Benvenuti su Mieloma Help

Questo blog, Mieloma Help, si pone l’obbiettivo di diventare un punto di riferimento per le persone, e i loro parenti, che sono affette da mieloma multiplo cercando di convogliare informazioni, aggiornamenti, eventi e quant’altro in un unico contenitore in modo da facilitare la consultazione e la ricerca per i visitatori.

Il mieloma multiplo è una forma tumorale che colpisce il midollo osseo. Il mieloma viene diagnosticato con una certa difficoltà poiché può non presentare sintomi se non in fase avanzata. Ad oggi il mieloma multiplo, sebbene abbia una ristretta incidenza statistica, non è curabile in via definitiva. Il mieloma multiplo è il secondo più comune tumore del sangue. Secondo la Fondazione Internazionale del Mieloma, nel mondo ci sono circa 750.000 persone affette da mieloma multiplo. Al momento, in Europa, oltre 85.000 pazienti sono sottoposti a trattamenti contro il mieloma multiplo e si prevede che 25.000 di questi moriranno nel corso del 2007 a causa di questo tumore del sangue.

Il mio augurio è di vedere una grande partecipazione non solo da parte dei pazienti di mieloma multiplo, ma anche da parte degli esperti del settore in campo medico e scientifico al fine di dare il loro contributo a chi ne avesse bisogno.

Invito quindi tutti a condividere le proprie esperienze e i propri pensieri affinché chi è colpito da questa patologia, e coloro che vivono direttamente o indirettamente con persone affette da mieloma, possa trovare conforto e incoraggiamento attraverso un reciproco scambio di informazioni e esperienze.

Nel blog troverete anche alcuni links a siti di associazioni e fondazioni, alcuni in lingua inglese, che potranno essere di utile consultazione.

Grazie a tutti anticipatamente per il vostro prezioso contributo.

Forum in rete sul mieloma multiplo

Il gruppo di discussione sul mieloma multiplo si trova al seguente indirizzo:
http://groups.google.com/group/mielomahelp

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 20 marzo 2008

Guida per pazienti, familiari ed amici sviluppata da Myeloma Euronet



Pubblichiamo la guida aggiornata per pazienti, familiari ed amici compilata e redatta da Myeloma Euronet: http://www.myeloma-euronet.org/_dl/multiple-myeloma/Multiple-Myeloma-it.pdf

lunedì 17 marzo 2008

Articolo sul Mieloma apparso su "La Stampa.it" del 13-03

13/3/2008 (11:50) - LA STORIA, SCOPERTA USA PER FERMARE IL MIELOMA
Cancro, il farmaco
che allunga la vita
Sperimentato a Torino
per la prima volta
MARCO ACCOSSATO
Promette di moltiplicare di almeno dieci volte, e per due anni, le remissioni complete della malattia. E di abbattere gli effetti collaterali della chemio, colpendo in modo mirato il bersaglio.

Arriverà presto in Italia la lenalidomide, «nuovissimo e rivoluzionario farmaco contro il mieloma multiplo», tumore del sangue che ogni anno, nella sola provincia di Torino, conta 180 nuovi casi.

Scoperto negli Usa, il farmaco che accende nuove speranze è stato sperimentato per la prima volta dall’équipe di Ematologia diretta dal professor Mario Boccadoro, alle Molinette. «Una sostanza - spiega il professore, che ha condotto lo studio insieme al collega Antonio Palumbo - che fa parte dei cosiddetti “farmaci intelligenti”, primo di una nuova classe di antitumorali». La lenalidomide - somministrata per bocca - non si limita ad agire contro le cellule impazzite, ma rende inospitale il midollo osseo, proteggendo i tessuti attorno al punto in cui il tumore si sviluppa.

I risultati della ricerca torinese, le caratteristiche del nuovo farmaco e le prospettive di sopravvivenza saranno discusse domani alle 21 nell’aula magna dell’Accademia di Medicina, in via Po 18 (ingresso libero). «Da raro che era - sottolinea Boccadoro - il mieloma multiplo si è moltiplicato con l’aumentare dell’età media della popolazione. Oggi riguarda, in tutta Italia, 5 persone ogni 100 mila».

Gli studi compiuti alle Molinette - e pubblicati sul Journal of Clinical Oncology - rivelano che la lenalidomide regala quantità ma anche qualità di vita. «Nei nostri laboratori - conclude il professor Boccadoro - abbiamo anche dimostrato che, utilizzata in contemporanea ad altre sostanze, produce effetti che sono di molto superiori alla semplice somma delle potenzialità dei singoli medicinali».